«Tre cose sottili sono il maggior sostegno del mondo: il sottil rivolo di latte dalla mammella della mucca dentro il secchio; la foglia sottile del frumento ancora verde sulla terra; il filo sottile sulla mano di una donna industriosa. Tre rumori di prosperità: il muggito di una mucca gonfia di latte; il tintinnio del ferro di una fucina; il fruscio di un aratro.» (The Trials of Ireland, secolo IX)

Il calendario e i mesi

Lu friddu di Jnnaru, / Lu malu tempu di Frivaru, / Lu ventu di Marzu,...


Palazzolo. Calendario deriva da Kalendae, parola latina con la quale gli antichi Romani indicavano il primo giorno di ogni mese. Ma Kalendarium, in latino, dapprima rappresentava semplicemente un registro sul quale venivano annotate le somme date a prestito e la data di restituzione della somma ceduta. Soltanto in seguito Kalendarium ebbe il significato attuale, cioè di enumerazione annuale del tempo. 


Anno 1582: un salto di dieci giorni
Vi sono stati nel corso dei secoli e vi sono ancora oggi modi diversi di contare il tempo, anche i calendari dunque sono parecchi.

Se in Italia e in tutti i paesi di religione cristiana stiamo entrando nell'anno 2001, perchè come si sa i   cristiani contano gli anni dalla nascita di Gesù, così non è per tutti. In  molti altri paesi, e particolarmente in quelli non cristiani si è cominciato a contare gli anni partendo da altri avvenimenti religiosi o storici, e naturalmente oggi la data è ben diversa dalla nostra. Ad esempio: per gli Ebrei siamo nell'anno 5761, per gli Iraniani nell'anno 1369, per i Cinesi di Confucio nel 2252, per i Giapponesi nel 2661, per gli Etiopi nel 1994, per i Copti (cristiani dell'Egitto, dell'Abissinia e del Sudan) nel 1709, e  così via. 

Nella Roma arcaica l'anno nuovo cominciava con il mese di marzo ed era composto da dieci mesi (dicembre era il decimo mese), mancavano infatti gennaio e febbraio, introdotti successivamente da Numa Pompilio il quale ordinò l'anno in 355 giorni. Ma, poichè la rivoluzione della Terra intorno al Sole, si compie in 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 11 secondi e i conti non tornavano, ogni due anni fu aggiunto un mese intercalare di 22-27 giorni.

I conti non tornavano ancora e Giulio Cesare, nel 46 a. C., decise di fissare l'anno comune in 365 giorni e, per recuperare le 6 ore in più, stabilì, ogni quattro anni, l'anno bisestile con un giorno in più. Mancavano ancora i 9 minuti e gli 11 secondi che, verso la metà del secolo XVI, comportarono uno ritardo di 10 giorni tra l'anno civile e l'effettivo anno solare. Il problema fu risolto da papa Gregorio XIII, nel 1582, il quale fece... invecchiare tutti di dieci giorni, decretando di passare direttamente da 4 al 15 ottobre. Ma anche l'attuale calendario gregoriano non è perfetto, difatti ogni 5000 anni si avrà la differenza d'un giorno, ma... chi vivrà vedrà. 


I mesi nei versi dialettali
 Ogni mese ha delle peculiarità che lo caratterizzano dal punto di vista meteorologico e di conseguenza dei cicli dell'agricoltura e delle attività lavorative ad esso connesse; i mesi si caratterizzano pure per le diverse feste che vi ricorrono, per gli ambienti naturali e antropici propri delle stagioni, per i sentimenti e le impressioni che suscitano secondo le esperienze personali.

Qui di seguito diamo un saggio in versi dedicato alle "qualità" dei mesi, secondo la tradizione orale o il modo di vedere o di sentire di alcuni autori.

Ecco una cantilena popolare sulle condizioni atmosferiche ideali per una buona annata: Lu friddu di Jnnaru, / Lu malu tempu di Frivaru, / Lu ventu di Marzu, / L'acquazzina di Maju, / Lu bonu metiri di Giugnu, / Lu bonu pisari di Lugliu, / Li tri acqui d'Austu, / Ccu la bona stagiuni / Vannu cchiù di lu tronu di Salamuni.

Anche il canto seguente è collegato prevalentemente alla campagna e ai lavori che ruotano attorno ad essa: A Jinnaru si conza lu lauri, / Cu' zappa vigni cu' va a laurari... / Trasi Frivaru, e trasi primavera: / L'aucidduzzi conzunu li nira;... /  E' Marzu chiddu misi priziusu, / E lu bon tempu Ddiu ni l'ha prumisu... / Aprili è chiddu misi piacenti, /  Carricatu du fiuri e cosi tanti... / Giugnu è chiddu misi appaurusu / Fa stari lu massaru spavintatu,... / Giugniettu si misurunu li terri / C'ancora li tirraggi 'un su' paiati... / Si cònzanu a Sittièmmuru li utti, / Ca è curtu di jiri a birignari... / Ottuvru lu massaru è tuttu cori, / 'Mpaia li vuoi, cumenza a laurari... / Diciemru è chiddu misi giniali, / E li simenti su' a li finituri... (canto chiaramontano, Pitrè ed. 1978).

Di tutt'altro tenore il canto che segue collegato alle festività dell'isola: Jnnaru porta la festa a lu primu, / comu si leggi ogn'annu a calannariu... / Ora veni lu misi ri frivaru: / agghiorna Santu 'Gnaziu lu primu,... / Poi veni marzu anticu piddirunu, / porta la festa all'unnici di Patti,... / San Teodoru a lu primu d'aprili, / e poi l'ottava, vi lu pozzu diri,... / Sia binidittu lu misi di maju! / E' San Filippu e Japicu lu primu,... / Veni San Marzianu a dui di giugnu, / San Barnabati all'undici sechenti; casca a li tridici Sant'Antuninu, / cavaleri di Cristu veramenti;... / Trasi lu misi saziu du giugnettu, / e trasi cu lu nomi di Maria;... / Veni San Petru a lu primu d'austu, / li cincu la Madonna di la Nivi;... / Lu misi di sittembri è arrivatu, / l'Abati Santu Giddiu è vinutu,... / Santu Rimigiu lu primu d'ottuviru / viscuvu e cunfissuri in calennariu;... / Lu primu di nuvemmiru tutti i Santi / A li defunti lu jornu sechenti,... /  Santa Bibiana a lu misi sechenti, / A li quattru la Santa Barbarana,... (sta in Di Mino e Cocchiara, 1924). 

Alla "domanda": "Qual è u miegghiu misi?", si risponde: Pp'i jatti 'u misi ri jinnaru, pp'i ballarini 'u misi ri frivaru, pp'i bizzocchi 'u misi ri marzu, pp'i muli 'u misi r'aprili, pp'i scecchi 'u misi ri màiu, pp'i viddani 'u misi ri giugnu, pp'i massari 'u misi ri giugniettu, pp'i sculari 'u misi r'aùstu, pp'i l'affamati 'u misi ri sittiemmiru, pp'i cacciaturi 'u  misi r'ottùviru, pp'e parrini 'u misi ri nuvièmmuru, e pp'i jiucaturi 'u misi di ricièmmiru (S. A. Guastella, 1888).

I due mesi descritti appresso sono dei veri e propri bozzetti idilliaci:
Aprili
Ogni annu Cristu scinni 'nterra, e allura / tutta la terra diventa n'artaru: / lu suli è 'na lampa a gran lustrura, / lu celu nu bardacchinu chiaru chiaru; / l'aceddi sù li mastri cantatura / la picuredda lu ciaramiddaru; / servi la missa la matri natura / sunannu a gloria 'ncapu un campanaru... (V. A. Guarnaccia, 1924).
Maju
Barcuna aperti e fimmini assittati / a lu suli a fari la puntina; / cammisi bianchi stisi a la curdina / grasti sciuruti e rosi sbuttunati; / lavura virdi, scecchi carricati / di sudda; celu comu na vitrina, / friscura d'acqui 'mmenzu li jardina / cu flauti ri cardiddi ammaistrati. / Ora sì, ora no 'ngangalarruni, / sona addurmisciutizzu e l'accumpagna / lu primi pedi di 'na canzunedda, / l'ascuta un vecchiu e cruoccu 'ntra un scaluni / e cridi ca 'ddu virdi di campagna / ci 'nvirdica l'armuzza vicchiaredda! (V. A. Guarnaccia, 1924).

Per chiudere, fra le tante, due poesie di Antonino Uccello pregne di sentimento e di nostalgia:

Frivaru
Calauni re cozza a unni / i fresi ri frivaru / nta l'aria ca sgriddava / comu nfrischittu i crita. / Ma nannu a-mmatinata sburricava / cacati i vacca e zuoddiri ri crapa. / E-cciaurava (A. Uccello, 1968).
Austu luoncu
Austu luoncu quantu la ma pena / ccà mmienzu a la ristùccia: / ma nunn'è-bbera pena / s'ascutu a riddi pazzi, / taliu a quartara cina / stinnuta sutta l'ummira ri m-pràinu, / e-mm'arricrìu. / Passa frummìcula /frummicularìa / cu a testa rrussa e u muzzicuni ardenti / nto zuccu ra carrubba! /  Suli a-mmanziuornu / se-nnesci all'aria / macari o 'uoi ci sbacca lu cuornu, / e-mm'arricrìu. (A. Uccello. 1968).

Il Corriere degli Iblei, dicembre 2000

Nessun commento: